32 Piazza San Francesco

Nella piazza è presente l'omonima chiesa All'interno della quale sono di grande interesse i chiostri con tombe medievali presenti lungo il fianco nord e la sacrestia del XIII secolo con un pilastro centrale adibito a sorreggere le volte; La chiesa è sede del monumento funebre a Giovanni Guidiccioni (1500-1541) vescovo, poeta ed umanista, ed è presente, inoltre, la lapide in memoria di Castruccio Castracani degli Antelminelli, illustre cittadino e condottiero lucchese

Piazza San Francesco a Lucca sicuramente rileva per la presenza dell'omonima chiesa.
A Lucca la presenza dei francescani risale al 1228, la chiesa fu però ricostruita e ampliata nel XIV secolo. All'interno della chiesa sono di grande interesse i chiostri con tombe medievali presenti lungo il fianco nord e la sacrestia del XIII secolo con un pilastro centrale adibito a sorreggere le volte. Nella chiesa di San Francesco vi è il monumento funebre di Giovanni Guidiccioni, vescovo, poeta ed umanista; inoltre vi è la presenza della lapide commemorativa di Castruccio Castracani degli Antelminelli, illustre cittadino e condottiero lucchese. A destra dell'altare maggiore, in una cappella, vi sono i resti del monumento funebre di Ugolino Visconti, ricordata anche da Dante nella Divina commedia, governatore di Pisa, scacciato dal nonno Ugolino della Gherardesca. Il cuore e le viscere di Ugolino Visconti, conservati in uno scrigno, nel 1746, andarano persi durante i lavori di ristrutturazione della chiesa. Oggi nella chiesa di San Francesco vi è una targa in latino che comincia con le parole "Qui è il cuore illustre del nobile Ugolino, giudice di Gallura..." per ricordare Ugolino Visconti.