16 Santa Maria della Rosa

La chiesa fu edificata nel 1309 trasformando un oratorio dove si venerava un'immagina della Madonna tra i Santi Pietro e Paolo, che venne detta della "della rosa" dai fiori che tiene in mano. Questa chiesa fu frequentata assiduamente negli ultimi anni della sua vita terrena da Santa Gemma Galgani dal 1900 al 1903, anno in cui morì l'11 aprile; in questa chiesa Gemma viene ricordata ogni anno nell'anniversario della sua morte.

Conosciuta dai lucchesi semplicemente con il nome di "Chiesina della Rosa". Originariamente cappella di venerazione dell'immagine della Madonna, ritenuta miracolosa, a seguito dell'importanza assunta dal culto religioso per la stessa Madonna con i fiori in mano, l'oratorio fu intitolato a Santa Maria della Rosa.

Nel 1933 l'oratorio fu oggetto di ristrutturazione, l'orientamento venne modificato spostando l'asse nord-sud, e l'ampliamento portò l'edificio ad appoggiarsi alle mura romane, ad ovest,  mentre gli altri lati furono archeggiati a tutto sesto. Il fianco destro, precedentemente facciata della Chiesa, in corrispondenza del portale con gli stipiti ornati di rose uscenti dalla bocca del drago, acquistò l'attuale aspetto, caratterizzato dal suo stile gotico. L'attuale facciata fu terminata soltanto nel Quattrocento, con un portale legato a Matteo Civitali. Sempre nel Quattrocento fu realizzato un intervento di ristrutturazione interna che portò all'attuale articolazione in tre navate su colonne e volte a crociera, dove è incluso un tratto delle mura romane della città.

Il dipinto giottesco, della Madonna delle Rose è conservata sull'altare maggiore della Chiesa. Il dipinto è considerato tra i più prestigiosi della città, ed è molto venerato dai lucchesi. La legenda legata a questo dipinto narra che alcuni pastori erano soliti portare in queste zone i loro greggi a pascolare, quando, un giorno, uno di loro, muto dalla nascita, notò che i suoi animali non si avvicinavano ad un cespuglio, pertanto si avvicinò e scorse uno rosa fiorita, seppur fosse il mese di gennaio, pertanto la raccolse e la portò a suo padre. A seguito di tale episodio il pastore riacquistò miracolosamente la parola. Da quel momento in quella zona sorse un oratorio.

Ancora oggi all'interno della Chiesa si Santa Maria delle Rose è possibile raccogliersi in preghiera vicino allo scranno originale dove pregava Santa Gemma Galgani, la Santa ricordata ogni 11 aprile, nel giorno dell'anniversario della sua morte.